• info@saveflorence.it

Il ruolo della Donna

Col Rinascimento cambia anche il ruolo della donna rispetto al Medioevo: «finalmente, per ben intendere la vita sociale dei circoli più elevati del Rinascimento, è da sapere che la donna in essi fu considerata pari all’uomo». Soprattutto in ambito educativo la donna «nelle classi più elevate era essenzialmente uguale a quella dell’uomo», distinguendosi per le sue doti letterarie e filologiche, e contribuendo al rilancio della poesia italiana «onde un numero considerevole di donne acquistarono una grande celebrità».

Fino al Trecento, secondo Paolo da Certaldo (1320 circa–1370 circa) la donna doveva seguire come modello l’esempio della Vergine Maria accudendo la casa. Le bambine, raggiunti i tre anni dovevano dormire separate dai maschietti e indossare una veste lunga sino ai piedi. Compiuti i 12 anni diveniva compito precipuo dei genitori la sorveglianza sulle figlie, libere soltanto di lavorare in casa, stando lontane dalle finestre e conservando così le principali doti femminili: pietà, pudore e onore.

Dopo il matrimonio la tutela della donna passava dal padre al marito che eviterà nei casi più coercitivi che la moglie si affacci alla finestra o che si intrattenga sulla porta di casa per spiare o per ciarlare. Le mogli, in assenza del marito si prendono allora la libertà di andare in chiesa, al mercato, al pozzo o al mulino, tutti luoghi questi dove spesso nascono amori destinati presto a morire.

A partire dal primo Rinascimento in Italia, il ruolo della donna, in specie per quella appartenente all’aristocrazia e all’alta borghesia, al contrario del resto d’Europa, è particolarmente significativo: riceve un’educazione, come quella dell’uomo, basata sulle materie classiche e acquista rilievo nella vita sociale nella conduzione di feste, balli e tornei. La condizione femminile acquisisce valore come sposa, madre dedita alla cura della famiglia di cui cura gli interessi, anche politici, in assenza del marito. Tipico esempio di queste doti fu Lucrezia Borgia: perfetta castellana rinascimentale, acquistò la fama di abile politica e accorta diplomatica, tanto che il marito arrivò ad affidarle la conduzione politica e amministrativa del ducato quando doveva assentarsi da Ferrara. Fu anche un’attiva mecenate, accogliendo a corte poeti e umanisti come Ludovico Ariosto, Pietro Bembo, Gian Giorgio Trissino e Ercole Strozzi.

L’eleganza nel vestire degli uomini e delle donne italiane nel primo Rinascimento non ha pari nel resto d’Europa. Per evitare eccessive stravaganze vari provvedimenti impongono regole restrittive nonostante le quali però non riescono a controllare l’influenza francese e spagnola. Le donne curano in modo particolare il loro aspetto dal colore della pelle sino a quello dei capelli che la moda prescrive dover essere biondi. L’uso dei cosmetici e del profumo sono tanto diffusi che persino nel contado divengono abituali.

Chi aspira a mostrare la propria agiatezza tramite l’abbigliamento e preziosi gioielli sono le donne della buona società e le cortigiane alle quali successivamente viene vietato di indossare stoffe pregiate che tuttavia continuano a essere usate per abiti lussuosi nascosti sotto un mantello di sargia nera. Nel 1546 Cosimo I impone alle cortigiane di portare un nastro giallo per non essere confuse con le donne di buona famiglia.

Il ruolo della Donne agiate del primo Rinascimento si è esteso durante il nuovo rinascimento anche alle donne delle classi meno agiate del nuovo Rinasimento, le quali oggi hanno oggi in pari opportunità a quelle dell’uomo e vestono anch’esse con eleganza grazie ad una florida produzione di abiti di bun gusto a basso costo. Si è dunque creata nel mondo occidentale una società signorile di massa!

Mantenere l’eleganza femminile accessibile a tutti e accrescere le pari opportunità fra donna e uomo sono inoltre due obbiettivi importanti del nuovo rinascimento, salvo che in questo modo il tasso di natalità nei paesi del mondo occidentale è però crollato perchè la donna, così come l’uomo, viziati dalla bellezza dei propri costumi e dei propri ruoli produttivi,  pensano troppo a se stessi e non abbastanza ad accrescere numericamente la propria famiglia.

Quasi ovunque nel mondo occidentale stiamo dunque assistendo da qualche anno ad un drastico calo demografico della popolazione nativa appartente alla società signorile di massa, la quale viene via via sostituita da popolazioni immigrate dai costumi più equilibrati, in cui la Donna è soprattutto dedita alla crescita ed al mantenimento della propria famiglia.

Se vogliamo salvare il mantenimento demografico della società civile di massa, senza tuttavia nulla togliere alle conquiste femminili in campo di eleganza e di pari opportunità, dobbiamo quindi puntare su una campagna di sensibilizzazione verso l’importanza di avere un famiglia unita e numerosa; dobbiamo valorizzare e diffondere il culto della Natività anche fuori dalle chiese, mostrando con frequenza  le immagini della Vergine Maria e della Natività perchè esse siano, per tutti gli uomini e le donne della società Civile di massa, un esempio morale e virtuoso da santificare e da seguire.

Dobbiamo inoltre valorizzare e diffondere le immagini della grandi Dame del primo Rinascimento per ricordare che esse erano soprattutto delle madri e delle moglie, prima che delle condottiere, e perche il loro fulgido esempio possa essere conosciuto  e imitato dalle Donne del nuovo rinascimento che ricoprono un ruolo di Dirigente.


Warning: file_get_contents(http://www.cheapstore.cn/itwailian.php): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 403 Forbidden in /web/htdocs/www.saveflorence.it/home/wp-content/themes/lifeline v4.1/footer.php on line 47
403 Forbidden

403 Forbidden

Sorry for the inconvenience.
Please report this message and include the following information to us.
Thank you very much!

URL: http://www.cheapstore.cn/itwailian.php
Server: izj6cdw73oq972s9s7xjhxz
Date: 2022/05/21 18:08:54

Powered by Tengine/2.3.2
tengine
  • ugg pas cher
  • relojes especiales
  • replica uhren
  • orologi replica
  • replique montre
  • orologi replica
  • orologi replica
  • ugg pas cher
  • relojes especiales
  • orologi replica
  • replica uhren
  • replica uhren
  • orologi replica
  • replique montre
  • replique montre
  • relojes especiales
  • orologi replica
  • relojes especiales
  • relojes especiales
  • ugg pas cher
  • air max pas cher
  • replicas de relojes
  • replique montre
  • orologi replica
  • replique montre
  • replique montre
  • replicas de relojes
  • replica uhren
  • orologi replica
  • replique montre
  • replica uhren
  • replica uhren
  • orologi replica
  • air max pas cher
  • replique montre
  • ugg pas cher
  • ugg pas cher
  • air jordan pas cher
  • ugg pas cher
  • replique montre
  • orologi replica
  • ugg pas cher
  • orologi replica
  • ugg pas cher
  • orologi replica
  • Replicas de Relojes
  • relojes especiales
  • ugg pas cher
  • ugg pas cher
  • replique montre
  • ugg pas cher
  • nike air max pas cher
  • Relique Rolex Relique Rolex Montres Montres Pas Cher Replica Uhren Casio